Cibi dannosi per l’organismo: i consigli del nutrizionista

Consigli nutrizionista

Vi sono alcuni alimenti e condimenti che, se assunti in quantità sovrabbondanti, provocano con il tempo danni all’organismo. Mangiare sano è fondamentale per il benessere del corpo: si riduce, così, il pericolo di infiammazioni e di malattie come i tumori. Una dieta equilibrata aiuta a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue e, in generale, ad affrontare gli impegni con le giuste energie.

Il Dott. Eugenio Ruggeri, noto Medico nutrizionista di Ancona, ha risposto alle nostre domande e ha chiarito diversi aspetti in merito alle pietanze cui bisogna prestare attenzione. I suoi consigli sono molto utili per far luce sui rischi insiti in vari cibi, dalla carne rossa allo yogurt, e per capire come ciascuno di noi può provvedere al proprio sostentamento in modo corretto.

Iniziamo da due elementi tipici della nostra alimentazione, ovvero il sale e lo zucchero. Quali sono le dosi raccomandate?

Sia il sale sia lo zucchero in eccesso hanno su di noi effetti a dir poco dannosi. Secondo le norme dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, un individuo non dovrebbe superare i 5 grammi di sale quotidiani. Il rischio è quello di favorire la genesi di  patologie cardiocircolatorie e ipertensione. Purtroppo, secondo i dati più recenti, le persone tendono spesso a superare i 10 grammi al giorno, senza considerare che gli alimenti già sono naturalmente salati. Questa è una delle tipiche, cattive abitudini legate al cibo.

Un altro tasto dolente è lo zucchero aggiunto. Non ce ne rendiamo conto, ma parecchi dei nostri snack spezza-fame ne contengono in eccesso: uno su tutti, lo yogurt alla frutta. Per non parlare poi dello zucchero che aggiungiamo al caffè, al thè e ad altre bevande. Nel complesso, si dovrebbe ridurre al massimo fino a interrompere l’utilizzo di zucchero durante la giornata, assumendo caffè amaro e riducendo l’utilizzo di zucchero nelle varie preparazioni.

Un altro argomento cardine è il confronto tra carne e pesce. Quale dei due cibi è preferibile?

Entrambi possono far parte, nelle giuste quantità, di un’alimentazione umana sana e variata, il pesce in particolare si caratterizza per una spiccata azione antinfiammatoria, malgrado negli ultimi tempi stiano aumentando i livelli di metalli pesanti in pesce di grossa taglia. I piatti di mare sono ricchi di Omega 3, preziosi alleati contro malattie cardiovascolari e cancro; essi, in più, rappresentano una fonte essenziale di vitamina B12 e di selenio. Stando a un’indagine condotta ad Harvard, chi mangia una quantità adeguata di pesce ha il 17% di possibilità in meno di sviluppare un tumore.

Chi, invece, assume quantità eccessive di carne rossa rischia di contrarre ipercolesterolemia e di sviluppare un infarto. Questo tipo di alimenti contengono alte quote di grassi saturi e la loro cottura o conservazione, porta alla produzione di numerose sostanze cancerogene. Circa 300 grammi di carne rossa a settimana andranno benissimo per evitare questo pericolo.

Qualche altro suggerimento per salvaguardare il benessere dell’organismo?

Consideriamo due classici della nostra alimentazione, ovvero l’olio e il vino. Per quanto riguarda quest’ultimo, non bisognerebbe superare il bicchiere al giorno per le donne e i due bicchieri per gli uomini: meglio optare per il vino rosso che, ricco di sostanze antiossidanti come i polifenoli e, in particolare il Resveratrolo, riduce l’eventualità di malattie cardiovascolari. Tuttavia non si dovrebbe mai andare oltre le dosi indicate. Anche l’olio extravergine d’oliva, così come la frutta a guscio, seppure molto calorici e quindi da utilizzare nelle giuste quantità, contengono una quota notevole di sostanze dotate di molteplici effetti benefici sull’organismo umano come Omega 3 e 6, acido oleico, polifenoli e vitamina E.

Lo yogurt, a sua volta, è un must per la dieta di diverse persone. Un ottimo prodotto è lo yogurt greco bianco magro, adatto persino in caso di intolleranza al lattosio. Lo yogurt alla frutta contiene spesso alti quantitativi di zucchero aggiunto.

Concludiamo il discorso con i legumi e le uova. I primi, che andrebbero consumati almeno nella quota di 3 porzioni settimanali, se combinati con cereali come il frumento, riso e orzo: possono andare a fornire la giusta quota di aminoacidi essenziali e creare proteine di alto valore biologico, al pari delle proteine animali. Le uova fornendo al nostro corpo vitamine, sali minerali e proteine, recano numerosi benefici purché, dato l’alto quantitativo di colesterolo contenuto nel tuorlo, non si esageri con le quantità.

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares