Come utilizzare la lavanda per la salute, la cosmesi e la casa

lavanda

La lavanda è una pianta conosciuta sin dall’antichità per le sue numerose proprietà benefiche. È lenitiva e calmante, antispasmodica, balsamica e antibatterica: è ideale in varie situazioni, ed è consigliata per esempio in caso di mal di testa, di stress, di prurito per le punture di insetto e così via.

Questa specie vegetale è usata per la realizzazione di oli essenziali, tisane, decotti, sacchetti profumati, impacchi per capelli e molto altro. È apprezzata per la sua versatilità, per l’aroma delicato e inconfondibile, per la sua delicatezza – motivo per cui è indicata non solo per gli adulti, ma anche per i bambini.

Vi spiegheremo come utilizzare la lavanda in diversi ambiti: il benessere, la salute, la cura della persona e della casa. Della lavanda, ad ogni modo, si adoperano soprattutto i fiori che sono ricchi di importanti principi attivi.

La lavanda contro l’ansia e lo stress

Per le sue capacità sedative e tranquillizzanti, la lavanda è un must per coloro che stanno attraversando un periodo difficile e soffrono di ansia e di agitazione. Non dimenticate che l’estratto in questione combatte l’insonnia e ci aiuta a dormire meglio, una condizione indispensabile per la serenità dello spirito.

Olio essenziale di lavanda
Olio essenziale di lavanda

Provate a versare qualche goccia di olio essenziale in un apposito diffusore, per riempire la stanza con il sentore della lavanda. Vi sentirete subito più rilassati, e ne gioverà anche la qualità del vostro sonno. Un’alternativa è bagnare un fazzoletto di cotone con l’olio essenziale, e sistemarlo accanto al cuscino per respirare la fragranza.

Lavanda e benessere: un rapporto solido e duraturo

La lavanda è una preziosa alleata del nostro organismo. Una parentesi dedicata a questo suo impiego non può mancare nel nostro discorso su come utilizzare la lavanda!

Tale pianta, per la sua azione specifica, fa bene a molte parti del corpo. Come già abbiamo accennato, è un eccellente rimedio contro le emicranie. È suggerita, poi, per affievolire il mal di gola, il raffreddore e la bronchite, grazie al suo effetto balsamico.

La lavanda è complice anche dell’apparato digerente. È un ausilio per chi è colpito da problemi digestivi e intestinali, coliti, gastriti e meteorismo. Tutto ciò che dovete fare è bere una tazza di tisana alla lavanda dopo aver mangiato.

La preparazione della bevanda è semplice. È sufficiente lasciare un cucchiaio di fiori di lavanda in infusione nell’acqua calda (250 ml) per circa 10 minuti. Filtrate e sorseggiate la tisana, una volta al giorno per avere dei risultati.

Lavanda, tisana
Lavanda, tisana

In aggiunta, la lavanda allevia il prurito e il rossore che derivano dalle punture di zanzara. Funge anche da repellente per insetti, ed è perfetta per la creazione di prodotti per la pelle. Con l’essenza di lavanda si dà origine anche a ottime creme per massaggi, per contrastare i dolori articolari e quelli muscolari.

La lavanda nella cosmesi

Come utilizzare la lavanda nel settore cosmetico?

La specie botanica di cui parliamo è un supporto contro la cute grassa e contro la forfora. Dall’olio essenziale si ricavano composti da spalmare sulla testa, dopo lo shampoo, e sull’epidermide del viso per limitare la presenza di impurità e di punti neri.

La lavanda per la cosmesi
La lavanda per la cosmesi

La lavanda, inoltre, è raccomandata in caso di irritazioni e di dermatiti. Il decotto è del tutto adeguato al trattamento delle ustioni leggere, che dipendono ad esempio da un’esposizione eccessiva ai raggi del sole. Per questo scopo è utile anche l’oleolito, che si ottiene da un mix di fiori di lavanda essiccati e olio di semi di girasole.

Invece l’idrolato di lavanda è un valido sostituto del siero. È adatto alla pulizia della pelle del volto, e bisogna servirsene di mattina e di sera.

La lavanda tra le mura domestiche

La lavanda si usa anche per rendere più confortevole lo spazio domestico. Un detergente naturale si prepara con acqua tiepida, aceto bianco e olio essenziale di lavanda, una decina di gocce per igienizzare tutte le superfici.

I sacchetti profumati sono un evergreen per gli armadi, i cassetti, i ripiani e i vani della dimora. Se avete l’abitudine di adoperare la lavanda attraverso il diffusore, di certo avrete notato come le zanzare restino lontane dalla vostra abitazione!

L’essenza di lavanda è alla base di deodoranti per ambienti, di prodotti contro gli acari, di saponi per il bucato. Vi ricordiamo che l’acqua di lavanda è ideale per prevenire la comparsa della muffa sulle pareti.

Sapone alla lavanda
Sapone alla lavanda

E per quanto riguarda la cucina? Come utilizzare la lavanda ai fornelli? L’aroma della pianta in oggetto valorizza il gusto del pesce e della carne, delle macedonie di frutta e dei dolci. C’è chi lo impiega per arricchire il sapore del miele, delle confetture e delle creme per dessert.

Sempre più popolare è la tisana alla lavanda, per coloro che vogliono ritagliarsi un attimo di pausa e di relax. Avrete capito, dunque, quanto questo estratto sia duttile ed efficace nella vita quotidiana!

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares