Consigli e tendenze per il taglio femminile dopo i 40 anni

taglio capelli

Il taglio di capelli: un elemento fondamentale per arricchire lo stile

La chioma, se curata con attenzione, rappresenta uno dei più preziosi alleati della bellezza femminile. Una capigliatura forte e lucente esalta i punti di forza e nasconde quelli deboli: è necessario, naturalmente, individuare il taglio più indicato per ciascun caso, che valorizzi la forma del viso e che risulti al passo con i tempi. Non esiste un criterio generale riguardo la lunghezza dei capelli, poiché vi sono donne che guadagnano eleganza con un taglio corto e altre che, al contrario, hanno bisogno di ciocche che arrivino all’altezza del collo o del seno.

In particolare, quando si superano i 40 anni è indispensabile trovare il look più adeguato alle circostanze. Da una certa età in poi, infatti, il volto inizia a essere caratterizzato da rughe e da altri segni dell’invecchiamento. Questi ultimi devono essere minimizzati da una chioma adatta, il cui scopo è enfatizzare il fascino dei lineamenti occultandone i difetti. Per l’autunno e l’inverno 2019/2020 vi è una tendenza ben precisa: capelli corti con forti richiami geometrici, ma anche tagli lunghi, unica regola è il volume. Diverse star, tra cui la celebre Nicole Kidman, dimostrano di prediligere per quest’anno una capigliatura cortissima, audace e alla moda.

Capelli corti o lunghi? Un dilemma per molte donne

Come già sottolineato in precedenza, non è possibile rispondere in maniera univoca a questa domanda. In linea di massima, i capelli corti sono l’ideale per coloro che possiedono una mascella e una mandibola dalla struttura delicata, un ovale definito e un collo dalle giuste proporzioni. Le chiome di questo tipo hanno il potere di accentuare la bellezza ma riescono a celare poco gli inestetismi più evidenti. Ovviamente i tagli corti non devono essere severi e uniformi, bensì dolci, asimmetrici, con ciocche che sfuggono qua e là e creano un insieme ricercato e al tempo stesso spensierato. Si avrebbe, altrimenti, un effetto invecchiante e di eccessiva rigidità.

capelli lunghi possono a loro volta andare bene dopo i 40 anni, a condizione che non si superi l’altezza del seno. Una chioma fino alla vita non è consigliata per le donne di mezza età, oltre a essere ritenuta decisamente poco glamour. Meglio optare per un look scalato, che impreziosisca i colli e i visi dalle forme slanciate. Il risultato, in qualunque situazione, deve trasmettere un’immagine complessiva di freschezza e di leggerezza. 

Ciuffo, frangia e altri accorgimenti

Vi sono varie esponenti del genere femminile che amano i capelli con la frangia o con il ciuffo. Anche in questo caso è difficile fare un discorso generico sui lati positivi e negativi di una simile scelta: la soluzione, in realtà, varia da persona a persona. Le frange piene, da bambina, non stanno bene a tutte, mentre più versatili sono quelle acconciate a mo’ di ciuffo oppure quelle con estremità esili, a sipario. L’opzione corretta dipende dal singolo volto, ma a conti fatti la frangia può essere personalizzata facilmente in base al mood che si desidera adottare in un determinato momento.

Una piccola parentesi, in aggiunta, va aperta sulle chiome da portare sciolte o legate con elastici e forcine. Secondo il parere degli esperti, la capigliatura dovrebbe essere quasi sempre sciolta, anche per il benessere del cuoio capelluto. Talvolta è possibile ricorrere a code di cavallo o chignon, ma i migliori parrucchieri suggeriscono di accorciare i capelli se ci si accorge di tenerli spesso legati.

Non è semplice modificare drasticamente il taglio, specialmente per le più abitudinarie. I capelli corti, per chi li ha avuti sempre lunghi, rappresentano un grande cambiamento: l’importante è affidarsi a un professionista che sappia realizzare il look giusto a seconda dei lineamenti, dello stile e dell’età di ogni donna.

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares