Emicrania cronica: sintomi, cause e trattamento terapeutico

L’emicrania cronica è una forma di cefalea primaria che si presenta per 15 o più giorni al mese per un periodo non inferiore a 3 mesi. Deve il suo nome alla localizzazione specifica del dolore: ha origine su un lato del cranio e in seguito può estendersi nella regione frontale della testa e nelle tempie. Si tratta di una condizione dolorosa acuta o pulsante che abbraccia una moltitudine di sintomi. Tra questi annoveriamo: dolore acuto e intenso, nausea, senso di vomito, inappetenza, giramenti di testa, brividi, sudorazione, stitichezza, lampi di luce, fotosensibilità e fonofobia. Un attacco emicranico può salire di intensità e durare per giorni. Una peculiarità dell’emicrania cronica è il suo essere accompagnata da altri sintomi specifici. In questo caso viene definita emicrania con aura, per indicare i segnali che precedono all’arrivo del malessere vero e proprio.

Quali sono le cause dell’emicrania cronica?

Ad oggi le cause specifiche di questa forma di cefalea primaria non sono state ancora individuate, sebbene nel corso dei decenni siano stati condotti numerose ricerche scientifiche e formulate svariate ipotesi a riguardo. I medici specializzati in cefalee sostengono che dietro all’emicrania cronica possa celarsi una predisposizione di tipo genetico. Ma al di là dei fattori ereditari, gran parte dei sintomi dell’emicrania cronica possono essere strettamente correlati alle seguenti cause:

• Predisposizione genetica

• Fluttuazioni ormonali legate al ciclo mestruale

• Cambiamenti climatici improvvisi

• Patologie sistemiche

• Alti livelli di stress emotivo

• Uso e abuso di farmaci

• Consumo eccessivo di caffeina

• Consumo eccessivo di bevande alcoliche

• Stati di ansia e depressione

• Disturbi del sonno

• Disturbi fisici

Qual è la terapia più efficace per l’emicrania cronica?

Il trattamento dell’emicrania cronica può richiedere approcci differenti a seconda dell’eziologia. La scelta del trattamento terapeutico varia da soggetto a soggetto ed è strettamente correlata all’entità del dolore e al numero degli attacchi emicranici. In genere per alleviare i sintomi dell’emicrania cronica il trattamento più efficace è la terapia farmacologica formulata dal proprio medico. Tra le tipologie di farmaci maggiormente utilizzati annoveriamo gli analgesici (farmaci antinfiammatori non steroidei, paracetamolo, acido acetilsalicilico) i triptani (sumatriptan), gli antinfiammatori (ibuprofene, diclofenac e naprossene) l’ergotamina e derivati.

Al di là della somministrazione di farmaci, anche l’assunzione di integratori alimentari a base di principi attivi naturali si è rivelata particolarmente utile per diminuire l’intensità degli attacchi emicranici. Gli integratori alimentari, infatti, aiutano a ridurre l’infiammazione dei tessuti (danno tissutale) e inibire l’iperalgesia (processo di dolore intenso). Tra i migliori integratori alimentari per l’emicrania cronica, i medici suggeriscono GenesiDol del gruppo Farmagens Health Care. Si tratta di un complesso molecolare farmacogenomico e neuroprotettivo a base di Palmitoiletanolamide, Lactobacillus Paracasei F19, estratto di avocado/soia, L-Acetilcarnitina, melatonina, Coenzima Q10, ginkgo biloba, DL-alfa tocoferolo acetato e vitamine B, D, E, particolarmente utile come supporto in caso di emicrania pulsante e cronica. Gli effetti benefici di GenesiDol sono stati documentati da numerosi studi scientifici e la sua formulazione è già divenuta un brevetto internazionale. GenesiDol è facilmente reperibile sul sito di Farmagensonline, la parafarmacia virtuale specializzata in prodotti per la salute, il benessere e la bellezza delle donne.

Related Posts

by
Previous Post Next Post
0 shares