Faccette dentali prima e dopo

Le faccette dentali sono delle sottili lamine in ceramica, con uno spessore di circa 0,7 mm, che vengono applicate sulla superficie esterna dei denti per modificarne forma, colore, lunghezza e posizione. 

I motivi per cui vengono applicate possono essere molteplici: denti fratturati; denti con discromie non risolvibili o altre problematiche dentali.

Come si applicano?

Prima di applicare le faccette dentali deve essere tolto un sottile strato di smalto per poterle fissare in modo permanente.

1° seduta: preparazione della superficie dentale, nel rispetto dei tessuti gengivali. Verrà poi presa l’impronta degli elementi dentali.

2° seduta: cementazione delle faccette dentali estetiche.

La qualità del cemento utilizzato è un fattore importante che può influenzare la durata dell’intero lavoro.

Se abbiamo dei denti da trattare molto scuri è sempre meglio eseguire un trattamento di sbiancamento dentale. Così facendo possiamo evitare trasparenze di colore indesiderate.

Quali materiali si utilizzano?

I materiali utilizzati per la realizzazione delle faccette sono i più performanti di cui l’odontoiatria moderna dispone.

Il disilicato di litio e la ceramica feldspatica sono materiali altamente biocompatibili (non hanno effetti nocivi sull’organismo con il quale entrano in contatto) e, nonostante gli spessori ridotti, hanno caratteristiche di robustezza ed estetica eccellenti.

Le faccette in composito sono le più economiche e hanno lo svantaggio che nel tempo possono perdere brillantezza. Vengono realizzate, solitamente, quando c’è il rischio che le faccette in ceramica possano rompersi.

La scelta del materiale della faccetta dipende dalle richieste del paziente e dal risultato che si desidera ottenere.

Il limite più grande delle faccette in resina è la durata: tali restauri presentano una longevità limitata a causa della tendenza a fratture marginali, scolorimento del materiale, scheggiature ed abrasioni.

A differenza di quelle in ceramica, le faccette in composito consentono il ripristino estetico funzionale in un’unica seduta: si tratta di un “trattamento d’urgenza”, scelto dal paziente per risparmiare sul prezzo finale e per ottenere un risultato immediato.

Igiene professionale e faccette dentali

Le faccette dentali possono durare anche 10 anni. Ovviamente per far sì che durino il più a lungo possibile sono necessarie una serie di condizioni. Innanzitutto i materiali devono essere di alta qualità.

Inoltre il paziente deve curarne la manutenzione seguendo le indicazioni del proprio igienista dentale

È consigliabile, in ogni caso, lavare i denti almeno 3 volte al giorno e procedere con una pulizia professionale periodica per evitare l’accumulo di placca. Sarebbe meglio, inoltre, evitare fumo, alimenti e bibite che possono macchiare i denti.

L’effettuazione della pulizia dentale comprende la rimozione della placca batterica e del tartaro da entrambe le arcate dentali. Una seduta di igiene orale dura circa 45 minuti nei casi in cui venga effettuata periodicamente, sempre se non ci sono impianti o suscettibilità alla malattia parodontale.

Analisi del cavo orale

Prima di iniziare la pulizia dei denti, l’igienista dentale si occupa anche di ispezionare il cavo orale alla ricerca di eventuali patologie e nel caso indirizza il paziente a una visita specialistica.

Sensibilizzazione all’igiene orale

Questa figura professionale si occupa anche e soprattutto di fare attività di prevenzione primaria. Durante la seduta di pulizia, infatti, istruisce i pazienti sulle corrette norme di igiene dentale domiciliare, spiegando loro come utilizzare in modo corretto spazzolino, filo interdentale, scovolino oppure altri presidi domiciliari.

Vantaggi 

È un trattamento rapidissimo: le faccette dentali si applicano in due sole sedute. Determinano un minore indebolimento del dente rispetto alla capsula tradizionale. Evitano al paziente di portare apparecchi e permettono di correggere forma e colore. I costi possono essere contenuti, ma bisogna sempre fare attenzione a sottoporsi a interventi troppo economici. È consigliabile, inoltre, rivolgersi a cliniche di igiene dentale professionali.

Related Posts

by
Previous Post
0 shares