Come far dimagrire l’interno coscia

Squat

Tra le parti del corpo delle donne che provocano maggiori imbarazzi dal punto di vista estetico c’è, spesso, l’interno coscia, una zona che si vorrebbe far dimagrire soprattutto nel momento in cui si avvicina la prova costume. Riuscire in questo intento non è complicato, ma non bisogna pensare che per raggiungere l’obiettivo occorra mettere in pratica una dieta particolare o perdere peso in generale: servono, invece, degli esercizi mirati, che permettano di modellare e di rassodare l’interno coscia.

Gli esercizi da mettere in pratica

Tra i consigli per dimagrire l’interno coscia, dunque, il ricorso a esercizi ad hoc è indispensabile: occorre sapere che nel momento in cui nell’interno coscia si forma una quantità di grasso eccessiva si pagano delle conseguenze dal punto di vista muscolare, nel senso che le gambe perdono di tono. Il risultato è che, sotto il profilo estetico, la parte della coscia interna è piuttosto floscia, se non addirittura molle. Il problema è che il grasso compare e si accumula in questa parte del corpo perché i muscoli adduttori vengono sollecitati in misura inferiore rispetto al necessario: i movimenti che si compiono nella vita di tutti i giorni, infatti, non li allenano, ed è proprio per questo motivo che sono indispensabili degli esercizi specifici. Se poi il quadro è peggiorato da un regime alimentare non corretto, è facile capire che non si può fare altro che mettersi al lavoro.

L’adductor machine

L’adductor machine è lo strumento che permette di far dimagrire l’interno coscia e di renderlo più tonico: come il suo nome lascia intuire, esso va a sollecitare i muscoli adduttori, in modo tale che possano essere esercitati. L’adductor machine è presente praticamente in qualsiasi palestra e presuppone un movimento in virtù del quale è necessario aprire le gambe e chiuderle, stringendo le cosce con forza, cercando nella giusta respirazione il ritmo di cui si ha bisogno. Le ripetizioni, da un minimo di tre a un massimo di quindici serie, devono prevedere una sollecitazione consistente della zona: il consiglio, in ogni caso, non è tanto quello di caricare il macchinario in modo eccessivo, quanto quello di puntare sull’estensione delle cosce. Il rischio correlato a un carico molto significativo, infatti, è quello di andare a rendere la zona più robusta. Al di là dell’adductor machine, un altro strumento presente in palestra su cui si può fare affidamento è la pressa.

Gli esercizi casalinghi

Non è detto, comunque, che per tonificare l’interno coscia si sia costrette a iscriversi in palestra: d’altra parte spesso il tempo è poco, e i soldi non abbondano. Ecco perché si può pensare di ricorrere anche a esercizi casalinghi, come per esempio lo squat, grazie a cui vengono tonificati i quadricipiti. Per dedicarsi allo squat si devono tenere le gambe aperte, rimanendo in piedi, con un’ampiezza appena superiore rispetto alla larghezza delle spalle: dopodiché ci si deve abbassare, tenendo dritta la schiena ma scendendo unicamente con il bacino, avendo cura di tenere le gambe parallele rispetto al pavimento, in modo tale da formare un angolo retto. Nel corso della discesa, è importante che le ginocchia mantengano l’asse, per evitare uno sbilanciamento all’indietro che renderebbe inutili tutti gli sforzi compiuti. Occorre, inoltre, che i talloni aderiscano bene al suolo. Lo squat dovrebbe essere eseguito un giorno sì e un giorno no, con tre serie composte da una ventina di ripetizioni.

Non solo squat

Un altro esempio di esercizio da praticare in casa che garantisce risultati ottimali per tonificare l’interno coscia prevede di stendersi su un fianco e di piegare la gamba più in alto allungando il braccio in alto e poggiando la testa sopra, cercando di tenere a terra la pianta del piede: dopodiché si solleva l’altra gamba, evitando di appoggiarla al pavimento e respirando in modo tale da accompagnare il movimento. Anche in questo caso ci si può fermare a tre serie, per poi passare all’altra gamba.

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares