Turismo, anche nel 2018 Grecia al top delle destinazioni per le vacanze benessere

Grecia

Non sembrano cambiare molto le dinamiche di viaggio degli italiani: anche quest’anno i turisti tricolore privilegiano le località di mare, con la Grecia che si conferma una delle mete preferite per chi sceglie di superare i confini dello Stivale, avendo a disposizione località  alternative per chi cerca una vacanza nel benessere lontano dalle folle.

Nell’estate 2018 trionfa la Grecia

Il rapporto tra Grecia e Italia è storico e consolidato, anche dal punto di vista turistico e del benessere, e soprattutto le grandi isole del Paese mediterraneo sono salite negli ultimi anni in cima alla lista delle preferenze dei viaggiatori nostrani, attratti sia dalle bellezze naturali e archeologiche che da un costo della vita ancora contenuto. In particolare, la zona di Rodi si conferma anche per l’estate del 2018 una delle più gettonate dai flussi provenienti dal Belpaese.

Tra le mete spicca Rodi

Nota come l’isola sulla quale “il sole splende per 300 giorni all’anno”, come ricorda anche l’approfondimento pubblicato sul noto portale www.siviaggia.it, Rodi è uno dei centri più noti sin dall’antichità, anche perché qui sorgeva il maestoso Colosso, ritenuto una delle “Sette Meraviglie del Mondo“. E anche se oggi di quella statua maestosa non resta che il ricordo, l’elenco di cosa vedere a Rodi è molto ampio, tra spiagge d’elite, siti archeologici e aree di eccellenza enogastronomica.

Gettonate le isole

Insieme alla più grande isola del Dodecaneso, altre isole molto apprezzate dagli italiani sono Mykonos, Santorini, Creta, Corfù, Zante, ciascuna contraddistinta da una tipologia di turismo ben delineata, da quella perfetta per la movida a quella adatta a una vacanza più rilassata e familiare. Il rovescio della medaglia è rappresentato dal fatto che queste mete nei mesi estivi sono invase da orde di turisti, e dunque affollate a volte in maniera anche eccessiva.

Destinazioni “benessere” in alternative alla massa

Ecco perché tra le destinazioni greche quest’anno si stanno facendo largo anche mete per così dire alternative o benessere, ovvero località e piccole isole che non sono ancora entrate nei radar della “massa”, e che quindi rappresentano una scelta valida per chi vuole evitare la ressa e concedersi una vacanza rilassata e un po’ più privata.

Tre consigli per chi vuole più privacy

Uno dei primi noti da appuntare è quello di Skopelos, un pacifico isolotto che esattamente dieci anni fa “sbarcò” al cinema come location di alcune scene del film Mamma Mia! con Meryl Streep: le caratteristiche principali di questo posto sono le verdi foreste di conifere, le spiagge silenziose di sassi bianchi e l’acqua pulitissima, mentre in pratica non c’è vita notturna ad eccezione di qualche ristorante intorno alla zona del porto.

Isolette incontaminate

Ancora poco pubblicizzata rispetto alla vicinissima Santorini è Ios, l’isola che ospita la presunta tomba di Omero: oltre a questa attrazione, poi, l’isola vanta anche una ricca vegetazione composta in prevalenza da ulivi e vitigni, che si alternano a piccole cappelle e antiche rovine elleniche. Inoltre, rispetto a Skopelos qui si ritrova anche una certa vita notturna, eredità della vitalità e notorietà conosciuta dall’isola negli anni ’60, quando era il luogo preferito degli hippies, che per fortuna non ha scalfito la natura genuina dei luoghi.

Posti romantici da scoprire

A sole due ore di traghetto da Rodi sorge un’altra isoletta piuttosto interessante, ovvero Piscopi (in greco Tilos), che conserva un suo carattere piuttosto rustico, mantenendosi poco popolata e lontana dalle rotte del turismo di massa; è una meta ideale per brevi soggiorni o per escursioni giornaliere, grazie soprattutto a baie selvagge che si aprono tra le rocce e un parco ecologico di circa 35 chilometri di sentieri lungo i quali la natura incontaminata è intervallata da piccoli agglomerati urbani e chiese bizantine.

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares