Invisalign: correggere i denti senza perdere il sorriso

A quanti di noi è capitato di voler correggere un difetto di allineamento dei denti anche in età adulta. Non tutti però siamo disposti a utilizzare apparecchi che risultano anti estetici e per di più anche costosi.

Siamo deviati in questa visione dal sentito dire ma anche dall’immagine di bambini con placche metalliche ed elastici colorati. Ci viene da pensare che per ridurre o eliminare un difetto estetico, almeno per un certo periodo di tempo, lo si debba aggravare.

Ma la tecnologia avanza e lo fa a grandi passi. Hai mai sentito parlare di Invisalign? Sappi che al giorno d’oggi un intervento odontoiatrico può avvenire anche per mezzo di un apparecchio invisibile. Sembra fantascienza ma non lo è affatto. Una soluzione che si fa preferire dagli adulti, ma anche dagli adolescenti a caccia di continuo consenso estetico.

Si parla tanto di sorriso perfetto, e gli adulti sono diventati sensibili a questo argomento e chiedono al proprio dentista interventi discreti e mirati. Invisalign offre questa soluzione risultando una delle più discrete del mercato.

Cosa chiedono gli adulti al proprio dentista?

In età adulta, dal punto di vista odontoiatrico, i giochi sono fatti. I denti sono tutti fuori, il cranio è fermo, ciò che può interessare la perfetta geometria dentale sono i piccoli movimenti in atto per varie ragioni.

La malocclusione è una causa di cattivo allineamento dei denti. In particolare l’arcata superiore non si chiude bene su quella inferiore. Le cause possono essere molteplici, e possono riguardare cattive abitudini come l’eccessivo utilizzo in età infantile del ciuccio o il dito in bocca. Un dente non rimpiazzato può determinare un movimento di una intera file di denti a scapito della simmetria funzionale tra le due arcate.

Le malocclusioni sono molto comuni e sono loro ad essere l’oggetto di attenzione dei dentisti per gli interventi estetici sugli adulti. Va da se che se un difetto è molto pronunciato un serio dentista deve valutare non solo la migliore tecnologia in rapporto ai costi, che c’è sul mercato in quel momento per ridurre l’impatto negativo estetico, ma anche la necessità di raggiungere l’obiettivo in tempi ragionevoli.

Un apparecchio invisibile è comunque da considerarsi al pari di uno tradizionale a patto che sussistano le stesse condizioni di utilizzo, non ultimo il fatto di dover essere indossato praticamente sempre.

I diversi tipi di malocclusioni

Alla base delle richieste di interventi da parte degli adulti, ci sono differenti forme di malocclusioni, vediamo quali sono in sintesi. Basta osservare allo specchio i nostri denti per capire a quale categoria appartengono, se le abbiamo.

  • L’Affollamento si ha quando la bocca è troppo piccola e i denti tendono ad accavallarsi;
  • Il sovramorso si ha quando la mascella superiore spinge in avanti. Il suo contrario è il Morso crociato o prognatismo;
  • Nel Distema gli incisivi hanno uno spazio interno;
  • Il morso profondo si ha nel caso in cui gli incisivi superiori coprono gli inferiori;
  • Nel morso aperto i molari superiori ed inferiori non si toccano.

Questi sono i casi in cui Invisalign è auspicabile usarlo per arrivare al perfetto allineamento dei denti. La valutazione deve essere fatta dal dentista per saggiare la forza dell’apparecchio a modificare la posizione della dentatura.

All’esterno questo genere di soluzioni sono praticamente invisibili pur agendo in trazione in maniera costante.

Un vantaggio aggiuntivo di un apparecchio invisibile come Invisalign è che è possibile rimuoverlo per mangiare, bere e lavarsi i denti. L’igiene orale è quindi garantita sino in profondità.

Il materiale utilizzato risulta non invasivo poiché fatto di una resina speciale molto sottile.

La tecnologia 3d di imaging, utilizzata in fase di analisi dell’arcata dentale, permette di vedere il risultato finale prima di iniziare il trattamento. Un bel incentivo, non c’è che dire!

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares