La carne di struzzo australiano

Gustare la carne di struzzo australiano è una di quelle esperienze a cui non si può rinunciare: per comprarla ci si può affidare all’e-commerce di + Gusto. Magra e caratterizzata da un alto contenuto di proteine, la carne di struzzo australiano può essere mangiata anche da chi sta seguendo una dieta dimagrante. Inoltre, è consigliata a chi soffre di anemia o comunque a chi ha carenze di ferro in seguito all’allattamento o durante la gravidanza. Ricca di acidi grassi omega 3, che contrastano i disturbi cardiaci, questa carne assicura un notevole apporto di vitamina C.

Lo struzzo australiano

Lo struzzo australiano, noto anche con il nome di emù, è un uccello che può raggiungere i 50 chili di peso e dimensioni notevoli, fino a 2 metri di altezza. Il suo corpo mostra un piumaggio molto fitto di colore marrone scuro, grazie a cui è in grado di proteggersi rispetto ai fenomeni atmosferici. Le ali non sono del tutto sviluppate e sono lunghe appena 25 centimetri. La testa appare poco proporzionata in confronto al resto del corpo per quanto è piccola, messa in risalto da un collo lungo e dal becco rosa, che ha una punta piegata alla sua estremità. Gli occhi sono neri, tondi e grandi, con ciglia particolarmente folte.

Le caratteristiche degli struzzi australiani

Le zampe sono il punto di forza degli struzzi australiani: sono così potenti da essere in grado di rompere un osso di un essere umano. Questi volatili sono privi di denti, e quindi non hanno la possibilità di masticare il cibo che ingoiano: questa è la ragione per la quale non di rado elementi in metallo, in vetro o di altri materiali potenzialmente pericolosi finiscono nel loro stomaco. Gli struzzi australiani non hanno la possibilità di bere acqua in grandi quantità e si nutrono di animali di piccole dimensioni, come le lucertole, le cavallette e le formiche, oltre che di insetti, frutti, semi e rizomi.

La riproduzione dello struzzo australiano

Tali uccelli si accoppiano nel periodo compreso tra dicembre e gennaio: proprio questi sono i mesi nei quali i maschi vengono considerati più pericolosi. Le uova hanno un peso medio compreso tra gli 800 e i 900 grammi: le femmine ne depongono circa sette o otto, che si differenziano in base ai colori, con una varietà cromatica che spazia tra il nero e l’azzurro. I marchi, invece, si preoccupano di preparare il nido, con i rami e l’erba.

Le uova di struzzo australiano

È il maschio dello struzzo australiano che pensa a incubare le uova, per circa due mesi: nel corso di questo periodo non lascia mail il nido, non defeca e non mangia, limitandosi a bere. Durante l’incubazione, infatti, il maschio perde un sacco di peso, ed è solo per mezzo del grasso che ha accumulato in precedenza che riesce a sopravvivere. Nel momento in cui le uova schiudono, poi, lo struzzo australiano protegge i pulcini con la massima cautela e attenzione.

La vita dello struzzo australiano

L’habitat naturale dello struzzo australiano è rappresentato dai terreni aridi, dalla savana e dagli arbusti tipici del territorio australiano, e nello specifico di quella porzione che si trova al di fuori delle coste della Tasmania. Gli adulti sono privi di nemici e si ritrovano a vagare in grandi spazi aperti. Grazie alla loro velocità, che raggiunge i 50 chilometri all’ora, sono in grado di sfuggire alle eventuali minacce in cui dovessero imbattersi. La loro ottima vista, inoltre, consente loro di identificare il nemico mentre sono in movimento a una distanza che può toccare i 100 metri. La presenza dell’uomo non è gradita.

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares