Un filato tecnologico per la bellezza della pelle

Da diversi anni le farmacie e i negozi di prodotti sanitari mettono in vendita i leggings dimagranti. Si tratta di capi di abbigliamento che devono essere indossati normalmente, al pari di qualsiasi altro tipo di pantaloni: essi generano dubbi e perplessità tra gli utenti e chi vorrebbe metterli alla prova. Insomma, funzionano oppure no? La storia dei pantaloni anti-cellulite inizia nel 2013, anno in cui essi hanno fatto la propria comparsa in commercio. Nei primi tempi il loro prezzo era molto elevato: poi, a mano a mano che la tecnologia si è evoluta, i costi si sono ridotti.

I leggings più efficaci

I leggings più efficaci e apprezzati in assoluto sono i quelli Be Good, che favoriscono un aumento dell’idratazione della pelle fino al 20 per cento e dell’elasticità cutanea di oltre il 4 per cento. Il merito è del tessuto snellente e idratante che è stato brevettato da HumanWellness: si chiama Dermofibra Cosmetics ed è un materiale che non ha concorrenti in tutto il mondo. Il carattere innovativo di questo tessuto (l’unico che contiene al suo interno tutte le caratteristiche senza lavaggi o trattamenti additivi postumi) è confermato dal suo contenuto di caffeina, di vitamina A, di vitamina E, di silicio, di microsfere di aloe vera, di zinco, di magnesio e di titanio. Un mix perfetto che garantisce benessere e bellezza, proteggendo contro l’azione dei radicali liberi e diminuendo gli inestetismi dovuti alla cellulite e le imperfezioni della pelle.

Gli altri leggings

Gli altri marchi sono diversi (hanno una tecnologia più vecchia), anche perché i risultati garantiti sono tutt’altro che istantanei: per riscontrare i primi miglioramenti, infatti, è necessario aspettare almeno un paio di mesi. Inoltre, il consiglio degli esperti è quello di abbinare il ricorso a questi pantaloni a un’attività fisica costante. Dal punto di vista della longevità, i leggings dimagranti sono in grado di sopportare pochi lavaggi: dopodiché la loro efficacia svanisce in modo graduale, e vengono meno i benefici assicurati dai principi attivi in essi contenuti. (diverso è per la Dermofibra Cosmetics che, come abbiamo detto, non perde le proprietà con i lavaggi).

I leggings delle case farmaceutiche

I leggings originali, per così dire, sono quelli delle case farmaceutiche, ormai presenti sul mercato da lungo tempo. Piuttosto costosi ma capaci di offrire risultati ottimali, essi possono essere declinati in molteplici varianti. Ci sono, per esempio, i modelli che rassodano e drenano funzionando attraverso il rilascio di principi attivi; altri modelli si caratterizzano, invece, per un’azione microtermica. Anche la composizione dei materiali è variabile: si passa, infatti, dai leggings in lattice a quelli in trama elastica e cotone, utili per chi desidera un effetto rimodellante sul corpo. Il cotone serve ad assorbire le tossine che vengono smaltite.

Perché i leggings dimagranti funzionano

Questi leggings si basano sugli stessi principi attivi che si ritrovano nelle creme anti-cellulite. Per usufruire al massimo dei loro effetti benefici, è consigliabile indossarli per non meno di sei ore al giorno, cercando di non seguire uno stile di vita sedentario e di fare il più possibile movimento. Nulla vieta di indossare i leggings dimagranti come se si trattasse di vestiti normali; i pantaloncini snellenti, per esempio, possono essere messi sotto la gonna o sotto i jeans.

Come agiscono

Gli effetti sono diversi: da un lato si favorisce l’idratazione, e dall’altro lato si stimola l’attività muscolare. Il risultato, però, è sempre lo stesso: la riduzione della circonferenza dei fianchi, dei glutei e delle cosce. Per altro in commercio non si trovano solo i leggings dimagranti, ma anche i body smanicati o indumenti simili, come le guaine per la zona addominale. E, ancora, meritano di essere menzionate le tute impermeabili, le canotte senza le maniche e i top che coprono il seno e la schiena.

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares