Smettere di fumare con la sigaretta elettronica: è possibile?

Sigaretta elettronica

Smettere di fumare è un’impresa ardua: molti ci provano senza successo, altri ritentano invano per anni prima di rinunciarvi, pochi infine vi riescono con successo. I motivi che rendono così difficile rinunciare al fumo sono svariati. In questo articolo andremo ad analizzarli e troveremo insieme un valido stratagemma per dimenticare definitivamente il pacchetto di sigarette. Smettere di fumare con la sigaretta elettronica è infatti un modo più graduale e meno traumatico di rinunciare al fumo. Vuoi sapere perchè? Continua a leggere.

I motivi che rendono difficile smettere di fumare

A differenza di quanto pensano in molti, ciò che rende difficile rinunciare al vizio del fumo, non è solo la nicotina. Infatti oltre alla forte sensazione di astinenza che può indurre la carenza di nicotina nel corpo, anche la componente psicologica svolge un ruolo di fondamentale importanza. Il rito sociale del riunirsi per un “tiro” e il gesto della “suzione“ della sigaretta, sono due aspetti da non sottovalutare. Quante volte avrai sentito dire ”non fumare in pausa caffè è ancora più difficile”? La spiegazione è lampante, proprio quando ci si trova in gruppo con altri fumatori, i bisogni di “imitazione” e conformazione raggiungono il proprio apice. Ma allora perchè utilizzare la sigaretta elettronica per smettere di fumare?

Smettere di fumare con la sigaretta elettronica

Come abbiamo detto poco fa, gli aspetti più difficili da superare nell’astenersi dal fumo sono:

  • Rinunciare alla nicotina
  • Abbandonare le fumate “rituali”
  • Sopprimere l’istinto innato di suzione

Con una sigaretta elettronica è possibile soddisfare tutti e tre questi bisogni fondamentali di un fumatore. Certo non bisogna dimenticare che assumere nicotina, anche attraverso una e-cig, è altrettanto dannoso quanto farlo in maniera tradizionale. Il grande vantaggio del passaggio al fumo digitale, in gergo svapo, è quello che fin da subito si vanno ad eliminare le migliaia di sostanze nocive e cancerogene generate dalla combustione della sigaretta. Inoltre con l’aiuto di un rivenditore specializzato, è possibile scegliere esattamente la concentrazione di nicotina presente nel liquido da “svapare”. Se all’inizio la concentrazione consigliata sarà pari, se non leggermente superiore a quella assunta tramite fumo tradizionale, è molto semplice e naturale, andare a ridurre gradualmente il contenuto di nicotina presente nei propri liquidi. Certamente le prime volte sarà meno soddisfacente rispetto che accendersi una “bionda”. Ma in breve tempo il fumo da sigaretta elettronica sarà perfettamente in grado di soddisfare il fabbisogno del fumatore. Sono moltissimi i casi di persone che da un pacchetto di sigarette al giorno, sono passate ai liquidi con nicotina, per rinunciarvi del tutto dopo pochi mesi. Fin qui però ti ho prospettato un cammino lineare e privo di insidie, invece ti devo mettere in guardia da alcuni aspetti che potrebbero deluderti al primo impatto con la sigaretta elettronica. Infatti uno dei primi aspetti che lasciano perplessi gli ex-fumatori, è che il vapore della sigaretta elettronica sia freddo, a differenza del vapore caldo tipico della sigaretta tradizionale. Inoltre, un fumatore di vecchio corso, sa bene che da una sigaretta ci si aspetta un netto colpo in gola durante il tiro, cosa che in alcuni modelli di e-cig può risultare blando, se non assente. Questi due sono gli scogli che hanno portato diversi ex fumatori, a tornare sui loro passi, riprendendo le vecchie cattive abitudini. Come è possibile quindi, avere un’esperienza di svapo soddisfacente? Il mio consiglio è quello di acquistare una sigaretta elettronica di qualità, spendendo il giusto per avere un prodotto affidabile e soddisfacente. Infatti mentre i modelli ultra-economici, hanno pochi Watt di erogazione e quindi un colpo in gola blando: con una sigaretta elettronica da 50W i su è possibile riprodurre fedelmente le sensazioni del fumo tradizionale, a maggior ragione se dotata di regolatore della temperatura del vapore. Il mio consiglio è di leggere una guida dettagliata per la scelta del modello più adatto alle proprie esigenze e poi di recarsi in un rivenditore autorizzato per scegliere il gusto e la concentrazione di nicotina del proprio liquido per sigaretta elettronica. Per una scelta consapevole sulla migliore sigaretta elettronica per le proprie esigenze, affidati al parere di esperti come il team di TecnologiaTop.it

Conclusioni

Riprendiamo quindi la domanda posta all’inizio: smettere di fumare con la sigaretta elettronica, è possibile? La risposta è sì, non senza un po’ di buona volontà e pazienza, ma le possibilità di riuscita sono più altre che con altri metodi. Non resta che provarci!

Related Posts

by
Previous Post Next Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 shares